<MACCHINE E CARNE - Ricercare lo spazio>

Installazione presso la Cripta Falconieri, architettura di Francesco Borromini;

a San Giovanni dei Fiorentini, Roma, via Acciaioli 2

Progetto di FABIO FORNASARI,

PAOLO FERRARIO / ÉSPRIT MACHINISTE - musica & sound design,

Ricerca e immagine abitata: progetto del CNR-RPPS curata da Sveva Avveduto

Assistenza tecnica: Angelo Perugini.

Lettura critica - Emmanuele Jonathan Pilia







 

 

 

 

 

 

.............................................................................................................................................


Polifonia a moduli, per 2 voci, 'madrigali' e campioni

Mezzosoprano: Silvia Vacchi

Composizione, produzione: Paolo Ferrario/ésprit Machiniste


Di questo si tratta: un viaggio in discesa, verso il profondo di una immagine. E’ un calarsi in una architettura che si struttira su due opposti realizzata da Francesco Borromini, l’ultima sua fatica prima della morte tragica che si è riservato tutta per sè.
Questa fonte riflette non una immagine ma un’intero luogo che suggerisce il tema della soglia tra uno spazio vertiginoso che ti porta a scendere ancora e uno spazio del ritorno.
Una soglia che ti pone il tema del “che fare?”.
...............................................................[F.Fornasari]

 

 

Grazie a: Caroline Bachman, Carmelo Bene, Francesca Bianco, Ruggero Bosso, Steven Brown, Lelio Camilleri, Marida Di Crosta, Albert Einstein, Bianca Falcidieno, Emilio Fantin, Carlo Fei, Dario Fo, Fabio Fornasari, Margherita Hack, Emily Jacir, Rita Levi Montalcini, Vico Magistretti, Enzo Mari,  Bruno Munari, Odili Donald Odita, Gio Ponti, Radio Papesse, Nine Rain, Iolando Scarpa, Salvatore Sciarrino, Andreas Serrano, Ettore Sotsass, Valentina Tereškova, Lev Tolstoj, Silvia Vacchi, Elisabetta Visalberghi.